Dragonchain (DRGN)

Info Progetto
Tecnologia: Blockchain
Categoria: Smart contracts
Total Supply: 433.494.437 DRGN
Inizio Progetto: 2016
Paese origine: Stati Uniti
SITO WEB https://dragonchain.com/
Algoritmo Variabile
EXPLORER

Che cos’è DRAGONCHAIN?

Dragonchain è un ecosistema informatico che ha l’obiettivo di semplificare l’integrazione della tecnologia blockchain nei progetti di business neonati o già operanti nell’economia reale.

L’idea è stata sviluppata inizialmente nell’ufficio Disney di Seattle tra il 2015 e il 2016, per poi essere concretizzata con la creazione della Dragonchain Foundation.

A che cosa serve Dragonchain?

I principali vantaggi che Dragonchain vuole offrire agli utilizzatori sono:

  • Blockchain per le imprese con diversi livelli di sicurezza
  • Scrittura di Smart Contract attraverso diversi linguaggi di programmazione
  • Scalabilità attraverso Amazon AWS e altri servizi Google
  • Protezione dei dati aziendali e dei dati contenuti negli smart contract
  • Piattaforma multi-valuta

Come già detto, lo scopo di Dragonchain è quello di permettere alle imprese di incorporare facilmente la tecnologia blockchain all’interno del proprio business.

Tale obiettivo è perseguito innanzitutto tramite il complesso concetto di “blockchain di blockchain”, la principale innovazione proposta da Dragonchain: si offre infatti la possibilità alle imprese di scegliere che tipo di meccanismo di consenso è necessario alla loro attività e quindi alla loro blockchain.

È chiaro infatti come esista una sorta di trade-off fra velocità e semplicità di funzionamento di una blockchain e il livello di sicurezza offerto: si parte da un modello di blockchain privata, dove la verifica delle transazioni avviene tramite approvazione dei membri della stessa e dove dunque è presupposta una fiducia completa fra i componenti, che per esempio potrebbero essere diversi organi della stessa azienda.

Ci sono 5 livelli di consensus per cui si può optare:

  1. Business verification: le transazioni coinvolte hanno ad oggetto dati che gli stessi proprietari vogliono inserire in un blocco e dunque non si crea il bisogno di nessun tipo di verifica, ma solo di un’approvazione dei proprietari
  2. Enterprise verification: i nodi verificano la transazione solamente per alcuni aspetti come la firma e i requisiti formali
  3. Network Diversity Verification: in questo livello la transazione deve essere verificata da almeno un predeterminato numero di nodi, così da ottenere maggiore sicurezza da questa diversificazione
  4. External Partner Verification: un nodo facente parte del quarto livello è ospitato da un server di un partner esterno e codifica tutte le transazioni che riceve dal terzo livello
  5. Public Checkpoint Verification: questo livello permette di creare una sorta di ponte tra la blockchain dell’azienda e una blockchain pubblica (Ethereum, Bitcoin, Litecoin, etc.), garantendo per la transazione qui registrata il massimo grado di sicurezza tramite l’approvazione mediante i metodi previsti in questa (PoW, PoS, Consensus etc.)

Attraverso tale sistema Dragonchain offre un ampio spettro di possibilità a seconda dell’esigenza dell’utente/azienda.

Dragonchain offre la possibilità di costruire un proprio progetto blockchain e una propria ICO sulla piattaforma attraverso procedimenti standardizzati; è possibile inoltre creare smart contract, come accade su Ethereum, ma utilizzando diversi linguaggi comuni agli sviluppatori come Java, C++ o Python.

All’interno degli smart contract è generalmente contenuta una serie di dati sensibili che Dragonchain cercherà di proteggere mantenendo intatta la possibilità di accedere e utilizzare i dati.

Per garantire la scalabilità di un sistema che vuole permettere l’esecuzione di smart contract e lo sviluppo di blockchain per le aziende, Dragonchain utilizza attualmente i servizi di cloud computing di Amazon AWS, e intende implementare anche ulteriori servizi forniti da Google.

Infine, il Marketplace di Dragonchain consiste in una piattaforma per le aziende client le quali possono accedere a numerosi servizi di qualità verificata per quanto riguarda il settore delle criptovalute, per il marketing o per lo sviluppo di software, oltre a una libreria di smart contract già sviluppati e pronti per essere utilizzati.

Tutto ciò sarà offerto sia delle stesse aziende già operanti nella piattaforma sia da venditori qualificati e proposti da Dragonchain, e si potranno acquistare tali servizi esclusivamente mediante i token nativi, ovvero i DRGN.

La moneta, DRGN

Dragonchain si presenta come una piattaforma currency agnostic, ovvero un sistema in cui le transazioni possono avvenire con qualsiasi valuta.

Tuttavia utilizzare e detenere i DRGN offre vantaggi non da poco. Si potranno, come già accennato, acquistare i prodotti e i servizi disponibili nel Marketplace, i quali non possono essere ottenuti in altro modo.

Inoltre per creare nodi delle blockchain create e per lanciare smart contract saranno necessarie alcune spese sostenibili solamente con il token DRGN.

Ma il principale vantaggio derivante dal detenere DRGN è il Dragon Slumber Score, una sorta di punteggio conseguito dall’utilizzatore che dipende dalla quantità di token che si posseggono e il periodo per cui questi restano nella disponibilità dell’utente. Più saranno i token detenuti, per più tempo li si detiene, maggiore sarà il punteggio.

A seconda del proprio Slumber Score si avrà accesso a sconti e bonus per quanto riguarda sia l’acquisto di smart contract nel Marketplace, sia lo sviluppo della propria ICO sulla piattaforma di Dragonchain.

Essendo un token ERC20, DRGN non è minabile e ne sono stati emessi 433.494.437.

 

Dragonchain salta all’occhio di un osservatore del mondo delle criptovalute sia per la complessità dell’offerta proposta, sia soprattutto per il suo team e la sua origine: a capo del progetto c’è Joe Roets, ex responsabile del settore blockchain della Disney e fra gli sviluppatori ci sono altri 3 ex dipendenti di quest’ultima.

Fra gli advisor figurano Maria Smith(Starbucks), Ed Fries (XBOX), Tom Bush (FBI).

Tuttavia il progetto di Dragonchain incontrerà sicuramente, nel corso della sua vita, importanti difficoltà data l’ampia concorrenza offerta anche da colossi come Ethereum.

Mercati:
Kucoin Gate.io Idex
Allcoin Fatbtc  

 

No Comments

Post A Comment