GLOSSARIO

Impara il significato delle parole di base e più usate alla base nel mondo delle cryptomonete

A

Airdrop
L’ Airdrop (lett. approvvigionamento) è una distribuzione di token gratuiti effettuata dai nuovi progetti sviluppati in Blockchain, molto spesso in cambio di interazioni con le pagine social, oppure della registrazione al proprio sito o wallet. Solitamente un airdrop viene lanciata prima della ICO allo scopo di pubblicizzare il progetto nella community delle criptovalute.
Altcoin
Altcoin è un’abbreviazione di “Alternative coin”, ovvero monete alternative a Bitcoin.
ASIC
Un “Application Specific Integrated Circuit” (Circuito integrato specifico per applicazione) è un chip di silicio appositamente progettato per svolgere un singolo compito. Nel caso di Bitcoin, sono progettati per elaborare i problemi di hashing SHA-256 per estrarre nuovi bitcoin. Gli ASIC sono considerati molto più efficienti rispetto all’hardware convenzionale (CPU, GPU). Con una regolare bolletta dell’elettricità, l’utilizzo di un normale computer per l’estrazione di Bitcoin è considerato non redditizio e si traduce solo in una bolletta dell’elettricità più elevata.
ATH (All Time High)
Prezzo più alto di tutti i tempi di una determinata criptovaluta.

B

BIP

Bitcoin Improvement Proposals (Proposte di miglioramento di Bitcoin). Una serie di proposte che i membri della community hanno presentato per migliorare bitcoin. Per esempio, BIP-21 è una proposta per migliorare lo schema URI (Uniform Resource Identifier).

Bitcoin
Bitcoin è una criptovaluta che gira su una rete globale peer-to-peer:

  • è decentralizzata (nessuna singola entità può controllarla)
  • è open source (wallet e verifica delle transazioni) 
  • bypassando intermediari o centrali autorità, con nessun emittente o acquirente
  • chiunque abbia un computer o uno smartphone può usarlo
Bitcoin ATM
Un punto cassa dove le persone possono scambiare valuta fiat e bitcoin.
Blockchain
Registro delle transazioni condiviso, affidabile, pubblico, che tutti possono ispezionare ma che nessun utente controlla. È un database distribuito crittografato, sicuro, antimanomissione. Risolve un problema matematico complesso (dei generali bizantini). Una blockchain è un luogo perfetto per memorizzare valore, identità, accordi, diritti di proprietà, credenziali, ecc. Una volta inserito qualcosa come un Bitcoin, rimarrà lì per sempre. È decentralizzato, disintermediato, economico e resistente alla censura.
Blocco - Block (nella blockchain di Bitcoin)
I dati vengono registrati in modo permanente sulla rete Bitcoin tramite file chiamati blocchi. Un blocco è un record di alcune o tutte le più recenti transazioni Bitcoin che non sono state ancora registrate in nessun blocco precedente. I nuovi blocchi vengono aggiunti alla fine del record (noto come blockchain) e non possono mai essere modificati o rimossi una volta scritti (anche se alcuni software li rimuoveranno se sono orfani). Ogni blocco memorizza ciò che è avvenuto nei minuti precedenti alla creazione. Ogni blocco contiene un record di alcune o tutte le transazioni recenti e un riferimento al blocco immediatamente precedente. Contiene anche una risposta a un puzzle matematico difficile da risolvere, la cui risposta è unica per ogni blocco. Nuovi blocchi non possono essere inviati alla rete senza la risposta corretta – il processo di “mining” è essenzialmente il processo di competizione per essere il prossimo a trovare la risposta che “risolve” il blocco corrente. Il problema matematico in ogni blocco è estremamente difficile da risolvere, ma una volta trovata una soluzione valida, è molto facile per il resto della rete confermare che la soluzione è corretta.
Blocco genesi
Il primo blocco in una blockchain.
Block Explorer
Uno strumento online per esplorare la blockchain di una particolare criptovaluta, in cui è possibile guardare e seguire dal vivo tutte le transazioni che si verificano sulla blockchain. Gli esploratori di blocchi possono fungere da analisi blockchain e fornire informazioni come il tasso totale di hash della rete, l’offerta di monete, la crescita delle transazioni, ecc.
Block Reward
Una quantità di criptovaluta che un minatore riceve per elaborare le transazioni in un dato blocco. Poiché creare (o “mining”) blocchi è così cruciale per la sicurezza della rete Bitcoin e tuttavia così difficile, il protocollo Bitcoin include un meccanismo per incoraggiare le persone al mio. Infatti, ogni volta che viene aggiunto un blocco, il minatore che ha trovato il blocco riceve 12,5 BTC (questo numero cambierà al prossimo dimezzamento nel 2020) come ricompensa per un blocco.
Bounty
Con l’espressione bounty (premio) si intende una somma di una determinata criptovaluta che si può ricevere in cambio dello svolgimento di piccoli task utili alla realizzazione del progetto sottostante alla criptovaluta (possono consistere in traduzioni, bug fixing, interazioni sui social network, realizzazione di contenuti provulgativi, ecc.)
Blocco Genesi

Il primo blocco nella Blockchain, utilizzato per inizializzare la criptovaluta

C

Chain Linking
Chain linking è il processo di collegamento tra due blockchain, permettendo così lo svolgimento di transazioni tra diverse blockchain. Questo permetterà a blockchain come Bitcoin di comunicare con altre sidechains, permettendo lo scambio di beni tra catene diverse.
Circulating supply (offerta circolante)
Per circulating supply si intende la quantità di monete in circolazione.
Client
Un programma software che un utente esegue su un desktop, laptop o dispositivo mobile per avviare un’applicazione.
Cloud Mining
L’estrazione classica di criptovalute richiede enormi investimenti in hardware ed elettricità. Le società di cloud mining mirano a rendere l’attività mineraria accessibile a tutti. Le persone possono semplicemente accedere a un sito Web e investire denaro nella società che ha già data mining data center. Il denaro è gestito dalla società ed è investito in attrezzature minerarie. Gli investitori ottengono una quota delle entrate. Lo svantaggio per l’utente è che il cloud mining ha rendimenti bassi rispetto al mining tradizionale.
Cold Storage

Si riferisce al mantenimento della propria riserva di bitcoin offline. Si può parlare di cold storage quando le proprie chiavi private sono create e tenute in un ambiente sicuro e scollegato da Internet. Il cold storage è importante per chiunque detenga bitcoin. I computer online sono vulnerabili ad attacchi hacker e non dovrebbero essere utilizzati per detenere una significativa quantità di bitcoin.

Conferme (confirmations)

Una volta che una transazione è inclusa in un blocco, essa ha una conferma. Non appena un altro blocco è minato nella stessa blockchain, la transazione ha due conferme, e così via. Sei o più conferme sono considerate sufficienti per sostenere che la transazione non è più reversibile.

Consenso (Consensus)
Un problema fondamentale nel calcolo distribuito è ottenere l’affidabilità generale del sistema in presenza di un numero di processi difettosi. Ciò spesso richiede che i processi concordino sul valore di alcuni dati necessario durante il calcolo. Il problema del consenso richiede un accordo tra un numero di processi per un singolo valore di dati. Alcuni processi possono fallire o essere inaffidabili in altri modi, quindi i protocolli di consenso devono essere tolleranti ai guasti. I processi devono in qualche modo esprimere i loro valori candidati, comunicare tra loro e concordare un singolo valore di consenso. La blockchain bitcoin utilizza l’elettricità per garantire la sicurezza del sistema. Crea un sistema economico in cui è possibile partecipare solo sostenendo costi, Prova di lavoro (POW). Lo fai per la possibilità di ricompensa / bitcoin. Se spendi soldi e giochi secondo le regole, ottieni indietro i soldi. Se imbroglia, perdi denaro. Non paga per imbrogliare. Questo semplice equilibrio teorico del gioco è il nucleo dell’algoritmo di consenso dei bitcoin.
Consortium Blockchain
Una consortium blockchain è una blockchain in cui il processo di consenso è controllato da un insieme di nodi preselezionati; ad esempio, si potrebbe immaginare un consorzio di 15 istituzioni finanziarie, ognuna delle quali gestisce un nodo e di cui dieci devono firmare ogni blocco affinché il blocco sia valido. Il diritto di leggere la blockchain può essere pubblico o limitato ai partecipanti. Esistono anche percorsi ibridi come gli hash di root dei blocchi che vengono resi pubblici insieme a un’API che consente ai membri del pubblico di effettuare un numero limitato di query e recuperare prove crittografiche di alcune parti dello stato blockchain. Questi blockchain possono essere considerati “parzialmente decentralizzati.
Cryptographic hash function (funzione di hash crittografica)
La funzione di hash crittografica è un algoritmo matematico che prende un input particolare che può essere qualsiasi tipo di dati digitali sia esso una password o un file jpeg e produce una singola stringa in uscita a lunghezza fissa. Alcuni esempi di algoritmi di funzioni hash differenti sono MD5, MD4 o SHA256. L’ultimo è usato nel protocollo Bitcoin. Proprietà principali:

  1. valore hash facile da calcolare per ogni dato messaggio
  2. impossibile generare un messaggio dal suo hash, tranne tentando tutte le possibili combinazioni di input (attacco brute force)
  3. non modificabile per modificare un messaggio senza modificare l’hash
  4. impossibile trovare due messaggi diversi con lo stesso hash
  5. deterministico in modo che lo stesso messaggio abbia sempre lo stesso hash.

Le funzioni hash crittografiche hanno molte applicazioni di sicurezza delle informazioni, in particolare nelle firme digitali, nei codici di autenticazione dei messaggi (MAC) e in altre forme di autenticazione. Possono anche essere utilizzati come normali funzioni di hash, per indicizzare i dati nelle tabelle hash, per le impronte digitali, per rilevare dati duplicati o identificare in modo univoco i file e come checksum per rilevare la corruzione accidentale dei dati.

Criptojacking
Cryptojacking è indicato come un uso segreto di un dispositivo per estrarre la criptovaluta. Il primo tentativo ampiamente noto per il cryptojacking è stato il tracker dei torrent Piratebay. Hanno abilitato un software di mining nel browser in modo che quando qualcuno visita il sito web il suo computer inizia a estrarre la criptovaluta tramite il browser. Gli utenti hanno iniziato a notare il comportamento insolito nei loro browser e Piratebay ha rimosso il software. Da allora ci sono stati molti tentativi di crittografia. Il modo più semplice per scoprire se un computer è mining criptovaluta è controllare il monitoraggio delle risorse per un comportamento insolito della CPU o utilizzare la console di debug del browser per cercare gli script di mining. Gli sviluppatori hanno anche rilasciato estensioni del browser Chrome per proteggere gli utenti dalle operazioni di data mining che si verificano sui loro dispositivi.

D

dAPP (decentralized application)
Affinché un’applicazione possa essere considerata una Dapp o un’applicazione decentralizzata, deve soddisfare i seguenti criteri:

  1. L’applicazione deve essere completamente open source, deve operare autonomamente e senza alcuna entità che controlla la maggior parte dei suoi token. L’applicazione può adattare il suo protocollo in risposta a miglioramenti proposti e feedback di mercato, ma tutti i cambiamenti devono essere decisi dal consenso dei suoi utenti.
  2. I dati delle applicazioni e i registri delle operazioni devono essere memorizzati crittograficamente in una blockchain pubblica e decentralizzata al fine di evitare punti centrali di errore.
  3. L’applicazione deve utilizzare un token crittografico (bitcoin o un token nativo per il proprio sistema) che è necessario per l’accesso all’applicazione e qualsiasi contributo di valore da parte di minatori / agricoltori dovrebbe essere ricompensato con i token dell’applicazione.
  4. L’applicazione deve generare token secondo un algoritmo crittografico standard che funge da prova del fatto che i nodi di valore stanno contribuendo all’applicazione (Bitcoin utilizza l’algoritmo Proof of Work).
DAOs (Decentralized Autonomous Organization)
Un’entità aziendale completamente automatizzata (FAB) o società / impresa autonoma distribuita (DAC) è una rete decentralizzata di agenti autonomi a intelligenza limitata che svolgono una funzione di produzione massimizzante l’output e che divide la sua forza lavoro in attività computazionalmente intrattabili (che incentiva gli esseri umani a fare) e compiti che esegue da solo. Può essere pensato come una società gestita senza alcun coinvolgimento umano sotto il controllo di un insieme incorruttibile di regole aziendali. Queste regole sono in genere implementate come software open source pubblicamente controllabile distribuito tra i computer delle parti interessate. Un umano diventa uno stakeholder acquistando azioni della società o pagate in quelle azioni per fornire servizi alla società. Questo titolo può autorizzare il suo proprietario a una quota dei profitti del DAO, la partecipazione alla sua crescita e può influire sulle scelte decisionali.
Difficoltà (Difficulty)

Impostazione del network che controlla quanto calcolo è richiesto per produrre la Proof of Work

Digital Signature (Firma Digitale)
Le chiavi private vengono utilizzate per la firma delle transazioni. Ogni volta che una transazione viene inviata sulla blockchain viene firmata dalla chiave privata dell’utente. La transazione firmata viene trasmessa sulla rete insieme alla chiave pubblica corrispondente. Ogni minatore è in grado di verificare la firma verificando la firma con la chiave pubblica.
Double Spending (spesa doppia)
La doppia spesa è il risultato di spendere soldi con successo più di una volta. Bitcoin è il primo a implementare una soluzione all’inizio del 2009 che protegge contro le doppie spese verificando ogni transazione aggiunta alla blockchain per garantire che gli input per la transazione non siano stati precedentemente già spesi.

E

ECDSA (elliptic curve digital signature algorithm)

l’algoritmo di firma digitale a curva ellittica è un algoritmo crittografico utilizzato dai bitcoin per garantire che i fondi possano essere spesi solo dai loro legittimi proprietari

F

FIAT (Moneta)
Qualsiasi denaro dichiarato da un governo per essere valido per l’adempimento di un obbligo finanziario, come USD o EUR.
FOMO (Fear Of Missing Out)
Irrazionalità che scatta quando si acquista una valuta in fretta, per paura di “perdere un treno”. In questo modo si acquista una criptovaluta in uno dei massimi di prezzo, pagando un prezzo relativamente troppo alto.
Fork
La creazione di una versione alternativa continua della blockchain, creando due blocchi simultaneamente su diverse parti della rete. Questo crea due blockchain paralleli, dove uno dei due è il blockchain vincente. La blockchain vincente viene determinata dai suoi utenti, scegliendo la maggior parte su quale blockchain i loro clienti dovrebbero ascoltare.
Fees (compensi)

Il mittente di una transazione spesso include un compenso alla rete per l’elaborazione della transazione richiesta.

La maggior parte delle transazioni richiede un compenso minimo pari a 0,5 mBTC

G

Gavin Andresen

H

Hardfork
Un hardfork è una modifica al protocollo blockchain che rende validi blocchi / transazioni precedentemente validi e quindi richiede che tutti gli utenti aggiornino i loro client. L’esempio più recente di un hardfork in blockchain pubblici è l’hardfork di Ethereum accaduto il 21 luglio 2016. L’hardfork ha cambiato il protocollo Ethereum, quindi è emersa una seconda blockchain (Ethereum Classic, ETC) che supporta il vecchio protocollo Ethereum. Per continuare, l’ETC esistente ha bisogno di minatori, che confermerebbero le transazioni sulla blockchain.
Hashcash
Hashcash è un sistema di prova del lavoro (proof-of-work) utilizzato per limitare gli attacchi di spam e denial-of-service e più recentemente è diventato noto per il suo utilizzo in bitcoin (e altre criptovalute) come parte dell’algoritmo di mining. Hashcash è stato proposto nel maggio 1997 da Adam Back.
Hash

Impronta digitale di un ingresso binario

HD protocol

E’ il protocollo di creazione e trasferimento di chiavi deterministiche gerarchiche (BIP32), che consente di creare chiavi figlie da chiavi madre in una gerarchia

HD wallet seed

E’ un valore potenzialmente breve utilizzato come “seme” per generare la chiave privata principale e il codice a catena principale per un portafoglio HD

Hardware Wallet

L’hardware wallet è un particolare tipo di portafoglio di bitcoin che memorizza la chiave privata dell’utente in un dispositivo hardware sicuro

Hashlocks

L’hashlock è un tipo di vincolo che limita la spesa di un output fino a quando un determinato dato non viene rivelato pubblicamente. Gli hashlock hanno la proprietà utile che una volta aperto un hashlock è possibile aprirne anche qualsiasi altro  protetto con la stessa chiave. Ciò consente di creare più output che sono tutti gravati dallo stesso hashlock e che diventano tutti spendibili allo stesso tempo.

HD wallet

Portafoglio che funziona utilizzando il protocollo di creazione e trasferimento della chiave deterministica gerarchica (BIP32)

HTLC

UN CONTRATTO DI “HASHED TIMELOCK” È UNA CLASSE DI PAGAMENTI CHE UTILIZZA HASHLOCK E TIMELOCK PER RICHIEDERE CHE IL DESTINATARIO DI UN PAGAMENTO DICHIARI DI AVERlo RICEVUTO  PRIMA DELLA SCADENZA GENERANDO UNA PROVA CRITTOGRAFICA

I

IBO - Initial Bounty Offering
A differenza di una ICO, dove le nuove criptovalute o token vengono scambiati con capitale, nelle IBO i nuovi token vengono assegnati a chi svolge un ruolo attivo all’interno del progetto. Attraverso una vastissima campagna di bounty, la community realizza migliaia e migliaia di piccoli “compiti” che sono funzionali ad un veloce sviluppo e ad una diffusione capillare. Questi task possono andare dalle traduzioni di whitepaper al social media marketing fino a partecipare allo sviluppo del software.
ICO - Initial Coin Offering
Le ICO sono tipi di meccanismi di crowdfunding condotti blockchain. In origine, l’idea principale di una ICO era quella di finanziare nuovi progetti prevenendo la vendita di monete/tokens agli investitori interessati al progetto. Gli imprenditori presentano un white paper che descrive il modello di business e le specifiche tecniche di un progetto prima dela ICO. Stabiliscono un calendario per il progetto e fissano un budget di riferimento in cui descrivono la spesa futura dei fondi (marketing, R&S, ecc.) e la distribuzione delle monete (quante monete manterranno per sé, offerta totale di token, ecc.) Durante la campagna di crowdfunding, gli investitori acquistano token con criptovalute già affermate come Bitcoin ed Ethereum.
IPFS - InterPlanetary File System
L’ InterPlanetary File System (IPFS) è un protocollo di distribuzione ipermediale, indirizzato per contenuto e identità. IPFS consente la creazione di applicazioni completamente distribuite. Mira a rendere il web più veloce, sicuro e aperto. IPFS è un progetto open source sviluppato dal team di Interplanetary Networks e da molti collaboratori della comunità open source. IPFS combina una tabella hash distribuita, uno scambio di blocchi con incentivi e uno spazio dei nomi autocertificati. IPFS non ha un singolo punto di errore e i nodi non hanno bisogno di fiducia l’uno nell’altro.

K

KYC

KYC è la sigla della normativa Know Your Customer, che obbliga tutti gli operatori che gestiscono denaro dei clienti all’identificazione del cliente.

L

Light Node
Un computer su una rete blockchain che verifica solo un numero limitato di transazioni rilevanti per le sue operazioni, avvalendosi della modalità semplificata di verifica dei pagamenti (SPV).
LevelDB

Leveldb è una libreria open source di chiavi e valori su disco. E’ leggera e monouso per resistere ad attacchi su molte piattaforme.

Lightning network
La rete Lightning è una rete decentralizzata che utilizza le funzionalità degli smart contract sulla blockchain per consentire pagamenti istantanei su una rete di partecipanti. La rete Lightning Network permetterà alle transazioni bitcoin di essere processate istantaneamente, senza preoccuparsi dei tempi di conferma dei blocchi. Permetterà milioni di transazioni in pochi secondi, a basso costo, anche tra blockchain diverse, purché entrambe le catene utilizzino la stessa funzione hash crittografica. La rete Lightning permetterà a due partecipanti sulla rete di creare un registro, effettuare una serie di transazioni tra loro e dopo che il processo è terminato, registrare lo stato delle transazioni in blockchain. Per ora, la rete bitcoin è in grado di elaborare fino a 7 transazioni al secondo. Ad esempio, si ritiene che la rete di pagamento Visa possa completare 45.000 transazioni al secondo durante un periodo di ferie regolari. Questo protocollo cerca di risolvere il problema della scalabilità del bitcoin.
Locktime

Un locktime, o più tecnicamente nLockTime, è la parte di una transazione che indica il primo momento o il primo blocco in cui tale transazione può essere aggiunta alla blockchain

M

Market cap
Con il termine market cap si intende la capitalizzazione di mercato, simile alla capitalizzazione di mercato che si usa in borsa.   Questo valore rappresenta il valore dell’interno mercato di una moneta, ottenuto moltiplicando il prezzo della criptovaluta per il numero di monete circolanti.
Merkle tree
L’ idea di base dietro il Merkle tree è quella di avere alcuni dati che si collegano ad un altro. È possibile farlo collegando le cose con un hashish crittografico. Il contenuto stesso può essere utilizzato per determinare l’hash. Utilizzando un hash crittografico possiamo indirizzare il contenuto, e il contenuto diventa immutabile perché se si modifica qualcosa nei dati, l’hash crittografico cambia e il link sarà diverso. Bitcoin utilizza hash crittografico, dove ogni blocco punta a quello precedente: se si modifica il blocco, l’hash cambierà e renderà il blocco non valido.
Merkle root (radice)

Il nodo radice di un merkle, discendente di tutte le coppie hashed dell’albero. Le intestazioni dei blocchi devono includere una radice di merkle valida discendente da tutte le transazioni in quel blocco.

Miner
Con il termine miner si intende un computer impegnato in attività di mining.
Mining
Il mining è il processo di aggiunta di registrazione delle transazioni in una blockchain.   La blockchain serve a confermare al resto della rete che le transazioni sono avvenute. I nodi utilizzano la blockchain per distinguere le transazioni legittime da tentativi di spendere nuovamente monete già spese altrove. Il mining è volutamente concepito per essere impegnativo e dispendioso in termini di risorse, in modo che il numero di blocchi trovati ogni giorno dai miner rimanga costante. I singoli blocchi devono contenere una prova del lavoro da considerare valido. Questa prova di lavoro (proof-of-work) è verificata da altri nodi ogni volta che ricevono un blocco. Bitcoin utilizza la funzione di proof-of-work hashcash. Lo scopo principale dell’ attività mineraria è quello di consentire ai nodi di raggiungere un consenso sicuro e anti-manomissione. Spesso il mining è anche il meccanismo utilizzato per introdurre nuove monete nel sistema: ai minatori vengono pagate eventuali commissioni di transazione e una “sovvenzione” di monete di nuova creazione. Ciò serve sia a diffondere le nuove monete in modo decentralizzato, sia a motivare le persone a garantire la sicurezza del sistema.
Mining difficulty (difficoltà di mining)
La difficoltà del mining misura quanto sia difficile trovare il prossimo blocco. Ogni prova di lavoro (proof-of-work) dell’algoritmo del consenso (consensus) ha una difficoltà di estrazione, anch’essa regolabile. A seconda del numero di miner che aderiscono alla rete, la difficoltà potrebbe aumentare o diminuire. Lo scopo della difficoltà è quello di mantenere i tempi di blocco e rendere sicura la rete. Il tempo medio per la ricerca di un blocco Bitcoin è impostato su 10 minuti. Litecoin è impostato per 2,5 minuti.
Mining pool
In una mining pool, diversi utenti si organizzano insieme per fornire potenza di calcolo ad una rete blockchain. Quando viene verificato un blocco dalla pool, ogni utente partecipante riceve la sua quota equa in proporzione alla sua potenza di calcolo fornita. Per diventare membro di una mining pool, l’utente ha bisogno di eseguire software fornito dal pool. Il vantaggio delle mining pool è che i premi di blocco vengono distribuiti in tutta la pool fornendo un reddito più stabile.
Multisignature (multifirma)

Il multisignature (multisig) si riferisce alla richiesta di più di una chiave per autorizzare una transazione bitcoin.

N

Nodi (full nodes)
Qualsiasi computer che si collega ad una rete blockchain è chiamato nodo. I nodi che applicano pienamente tutte le regole della blockchain sono chiamati nodi completi. La maggior parte dei nodi della rete sono light nodes invece di full nodes, ma i nodi pieni costituiscono la spina dorsale della rete.
Nonce

In crittografia il termine nonce indica un numero, generalmente casuale o pseudo-casuale, che ha un utilizzo unico. Nonce deriva infatti dall’espressione inglese for the nonce, che significa appunto “per l’occasione”. La “nonce” in un blocco bitcoin è un campo a 32 bit (4 byte) il cui valore è impostato in modo che l’hash del blocco contenga una serie di zeri iniziali. Il resto dei campi non può essere considerato, in quanto ha un significato definito.

Network

E’ una rete peer-to-peer che propaga transazioni e blocchi a tutti i nodi bitcoin della rete .

O

Off-chain transactions

Per off-chain transactions ( transazioni fuori catena) si intende lo spostamento di valore al di fuori della blockchain.
Mentre una on-chain transaction ( transazione a catena) – di solito definita semplicemente una transazione – modifica la blockchain e dipende dalla blockchain stessa per determinarne la validità, le transazioni fuori catena si basano su altri metodi per registrare e convalidare la transazione.

Opcode
In informatica un opcode (operation code, codice operativo) è una porzione d’istruzione in linguaggio macchina che specifica l’operazione che deve essere eseguita. I codici operativi del linguaggio script bitcoin immettono i dati o eseguono funzioni all’interno di uno script a chiave pubblica o di uno script a firma elettronica

Open Assets protocol
E’ un protocollo semplice e potente costruito sulla blockchain di bitcoin. Permette l’emissione e il trasferimento di beni creati dall’utente. E’  un’evoluzione del concetto di moneta
Output
Output, output della transazione, o TxOut è un output  in una transazione che contiene due campi: uno per trasferire zero o più satoshi e uno per uno script della chiave pubblica per indicare le condizioni alle quali quei satoshi potranno essere successivamente spesi.

P

Private blockchain (blockchain privata)
Una blockchain completamente privata è blockchain in cui i permessi di scrittura sono mantenuti centralizzati in un’unica organizzazione. I permessi di lettura possono essere pubblici o limitati in misura arbitraria. Le applicazioni verosimilmente includono la gestione di database, audit, ecc. interni a una singola azienda e quindi la leggibilità pubblica può non essere necessaria in molti casi, anche se in altri casi si desidera una verifica contabile pubblica.
Private key (chiave privata)
Ogni volta che un utente esegue un portafoglio criptocurrency per la prima volta  viene generata una coppia di chiavi pubblica-privata. La chiave privata è un numero generato in modo casuale che permette agli utenti di effettuare transazioni attraverso la catena a blocchi. È localmente conservata e tenuta segreta. Ogni volta che un Bitcoin riceve una chiave privata deve firmare la transazione. Questa azione viene eseguita automaticamente dal software del portafoglio. Quando un portafoglio chiede agli utenti di fare un backup, ciò significa che gli utenti devono proteggere la loro chiave privata. Ci sono diversi tipi di portafogli come i portafogli online, portafogli mobili, portafoglio desktop, portafogli hardware o paper wallet. La categoria di ogni portafoglio è determinata dal luogo in cui sono memorizzate le chiavi private. I portafogli online sono per lo più forniti da exchange e conservano le chiavi private degli utenti sui loro server. Se il fornitore di servizi andasse offline, gli utenti perderebbero l’ accesso ai loro fondi. Portafogli hardware per esempio memorizzano le chiavi private dell’ utente in un dispositivo sicuro che assomiglia a una chiavetta USB.
Proof-of-Authority
Una proof-of-authority è un meccanismo di consenso in una blockchain privata che dà essenzialmente un cliente (o un numero specifico di clienti) con una chiave privata particolare il diritto di fare tutti i blocchi nella blockchain.
Proof-of-Stake

Una proof-of-stake è un metodo attraverso il quale una  rete blockchain di una criptovaluta mira a raggiungere un consenso distribuito. Chiede agli utenti di provare la proprietà di una certa quantità di valuta. 

Proof-of-Work

Un dato che richiede un calcolo significativo per essere trovato. In bitcoin, i miner devono trovare una soluzione numerica all’algoritmo SHA256 che soddisfi un obiettivo a livello di rete, l’obiettivo di difficoltà.

Public blockchain (blockchain pubblica)
Una blockchain pubblica è una blockchain che chiunque nel mondo può consultare, a cui chiunque nel mondo può inviare transazioni e vederle incluse se sono valide, e chiunque nel mondo può partecipare al processo di consenso – il processo per determinare quali blocchi vengono aggiunti alla blockchain. Come sostituto della fiducia centralizzata o quasi centralizzata, blockchain pubbliche sono garantite dalla cripto economia – la combinazione di incentivi economici e verifica crittografica utilizzando meccanismi quali la proof-of-work o la proof-of-stake, seguendo un principio generale secondo cui il grado in cui qualcuno può avere un’influenza nel processo di consenso è proporzionale alla quantità di risorse economiche che può portare con sé. Queste blockchain sono generalmente considerate “completamente decentralizzate”.
Public key (chiave pubblica)
La chiave pubblica è una sequenza di numeri e lettere univocamente collegata ad un wallet, che viene generata in coppia con la private key. La public key viene utilizzata per identificare il proprio portafogli al pubblico. Ad esempio, se volessi ricevere fondi nel mio wallet, devo fornire la chiave pubblica a chi deve inviare i fondi.
Problema dei Generali Bizantini ( Byzantine Generals Problem)

Un computer ideale dovrebbe resistere al fallimento di una o più delle sue componenti. Una componente che fallisce può mostrare un comportamento che è spesso trascurato, ovvero potrebbe mandare informazioni in conflitto tra loro a differenti parti del sistema. Il problema di far fronte a questo tipo di fallimenti è chiamato Problema dei Generali Bizantini.

Paper Wallet

Nel senso più specifico, un paper wallet è un documento contenente tutti i dati necessari per generare un qualsiasi numero di chiavi private bitcoin. Tuttavia, le persone spesso usano il termine per indicare qualsiasi modo di memorizzare bitcoin offline come documento fisico. questa seconda definizione include anche le paper keys e codici riscattabili.

 

Protocollo

Insieme di regole formalmente descritte che definiscono le modalità di comunicazione fra i nodi di una rete: ad esempio, parte del protocollo Bitcoin sono le regole che guidano la costruzione del consensus.

R

Ring signature (firma ad anello)
La firma ad anello è una tecnologia crittografica che potrebbe fornire un livello decente di anonimizzazione su una blockchain. Le firme suonerie assicurano che le singole uscite di transazione sulla catena a blocchi non possano essere tracciate. Un messaggio firmato con una firma ad anello viene approvato da qualcuno in un particolare gruppo di persone. Una delle proprietà di sicurezza di una firma ad anello è che dovrebbe essere impossibile determinare quale delle chiavi dei membri del gruppo sia stata usata per produrre la firma.
Ricompensa

 Un ammontare incluso in ogni nuovo blocco come premio dalla rete al miner che ha trovato la soluzione alla Proof-of-Work.  Al momento si tratta di 12.5 BTC.

 

S

Satoshi
L’ unità più piccola di Bitcoin, pari a 0,0000000001 BTC
Satoshi Nakamoto
Satoshi Nakamoto è lo pseudonimo dell’inventore (o gruppo di inventori) del protocollo Bitcoin e del relativo software, Bitcoin Core. Nel 2008, Nakamoto ha pubblicato un articolo su The Cryptography Mailing list su metzdowd.com che descriveva la valuta digitale bitcoin. Nel 2009, fu rilasciato il primo software bitcoin che ha lanciato la rete e le prime unità della criptovaluta bitcoin. Satoshi Nakamoto sono il nome ed il cognome più diffusi del Giappone (come Mario Rossi in Italia). la vera identità dell’inventore di Bitcoin è tutt’ora ignota e la sua ultima dichiarazione fu nel 2011, quando comunicò di allontanarsi dal Progetto, lasciando tutto nelle mani di Gavin Andressen
SHA (Secure Hash Algorithm)
SHA è una famiglia di funzioni di hash crittografico pubblicata dal National Institute of Standards and Technology (NIST) come Federal Information Processing Standard (FIPS). SHA256 è l’algoritmo usato in Bitcoin che prende un input di qualsiasi dimensione che può essere in qualsiasi forma di dati (testo, jpeg, pdf, ecc.), lo mescola e crea un output a dimensione fissa (un hash) lungo 256 bit (32 byte). Si può pensare all’ hash come alle impronte digitali dei dati. Gli hash sono funzioni unidirezionali – non possono essere decifrati indietro. L’ unico modo per decrittografare un hash è forzarlo brutalmente. Per forzarlo si intende provare sistematicamente tutte le combinazioni per un input.
Smart Contract
Gli smart contracts sono protocolli informatici che facilitano, verificano o impongono la negoziazione o l’esecuzione di un contratto o che eliminano la necessità di una clausola contrattuale. I contratti intelligenti hanno generalmente anche un’interfaccia utente e spesso imitano la logica delle clausole contrattuali. I fautori degli smart contracts sostengono che molti tipi di clausole contrattuali possono quindi essere parzialmente o totalmente auto-eseguite, auto-applicabili o entrambe. Gli smart contract mirano a garantire una sicurezza superiore al diritto contrattuale tradizionale e a ridurre gli altri costi di transazione associati ai contratti.
Sidechains
Le Sidechain sono blockchain interoperabili tra loro e con Bitcoin, che evitano carenze di liquidità, fluttuazioni del mercato, frammentazione, violazioni della sicurezza e frodi dirette associate a criptovalute alternative. Le Sidechains sono nuove blockchain che sono sostenute da Bitcoin, tramite contratti Bitcoin. Si potrebbero in linea di principio avere migliaia di sidechain ancorate a Bitcoin, tutte con caratteristiche e scopi diversi. Bitcoin potrebbe implementare caratteristiche sperimentali delle sidechain una volta che esse sono state provate e testate.
Segregated Witness

Il Segregated Witness è un aggiornamento proposto al protocollo bitcoin che separa i dati di firma dalle transazioni bitcoin.Il Segregated Witness è la soluzione per un soft fork;  un cambiamento che tecnicamente rende le regole del protocollo bitcoin più restrittive

Scalabilità

In informatica, la caratteristica di un sistema software o hardware facilmente modificabile nel caso di variazioni notevoli della mole o della tipologia dei dati trattati. 

Soft Fork
Un soft fork è una modifica al protocollo bitcoin in cui vengono resi non validi solo blocchi/transazioni precedentemente validi. Poiché i vecchi nodi riconosceranno i nuovi blocchi come validi, un soft fort è retrocompatibile. Questo tipo di fork richiede solo la maggioranza dei miner che intendono applicare le nuove regole.
Solidity
Solidity è un linguaggio di programmazione progettato per sviluppare smart contract. La sua sintassi è simile a quella di JavaScript, ed è destinato a compilare in bytecode per la macchina virtuale Ethereum (EVM – Ethereum Virtual Machine).
SPV (Simplified Payment Verification) client
I client SPV sono client leggeri per criptovalute che non scaricano e memorizzano localmente l’intera blockchain. Questi portafogli forniscono un modo per verificare i pagamenti senza dover scaricare la blockchain completa. Un client SPV scarica solo le intestazioni dei blocchi collegandosi ad un full node.
Swarm
Swarm è una piattaforma di archiviazione distribuita e servizio di distribuzione dei contenuti, uno dei servizi nativi di Ethereum. L’ obiettivo primario di Swarm è quello di fornire un archivio decentralizzato e ridondante del registro pubblico di Ethereum, in particolare, per memorizzare e distribuire codice e dati di dApp, nonché dati della blockchain.
Script

Il Bitcoin utilizza un sistema di scripting per le transazioni. Lo script, è semplice, basato sulle risorse ed elaborato da sinistra a destra. Volutamente non è completo,quindi  senza loop.

Stale Block (blocco statico)

Blocco estratto con successo, ma che non è incluso sulla migliore blockchain , probabilmente perché qualche altro blocco alla stessa altezza aveva la sua catena estesa.

Transazione (Transaction)

In termini semplici, un trasferimento di bitcoin da un indirizzo all’altro. Più precisamente, una transazione è una struttura di dati firmata che esprime un trasferimento di valore. Le transazioni sono trasmesse attraverso la rete di bitcoin, raccolte dai minatori e incluse in blocchi, resi permanenti sulla blockchain.

T

Token
Nel contesto di Blockchain, un token è un’identità digitale per qualcosa che può essere posseduto.

I token sono una tipologia particolare di smart contract, che rappresentano un determinato bene o parte di esso.

I token più comuni sono i token ERC-20, emessi sulla blockchain di Ethereum per nuove ICO, questi token rappresentano una moneta del nuovo progetto nascente.

Vengono detti fungibili in quanto, posti 2 token una accanto all’altro, hanno lo stesso valore e sono sostituibili.

Esiste un altro standard di token, ERC721, detti token non fungibili.

Ognuno di questi token è indivisibile, unico nel suo genere e possiede un ID univoco per identificarlo.

Questi token possono racchiudere dei metadati, ovvero delle informazioni specifiche che li identificano.

Il caso di utilizzo più famoso di questi token è stato quello dei CryptoKitties.

Testnet
Una testnet è una blockchain secondaria utilizzata dagli sviluppatori per testare nuove versioni di client software senza mettere a rischio nessun valore reale connesso alla blockchain principale.
Transaction pool

Una raccolta non ordinata di transazioni che non sono in blocchi nella catena principale, ma per le quali abbiamo delle transazioni di input

Transaction fee
Con transaction fee si intende il costo che si sostiene per effettuare una transazione. Nei sistemi blockchain questo costo non è fisso, come nei normali sistemi di pagamento, ma varia in base alla complessità della transazione ed alla velocità richiesta.

Più grande sarà il costo di transazione che siamo disposti a spendere, più veloce sarà la transazione.

Transazione orfana

Transazione che non possono andare nella pool a causa di uno o più input mancanti

W

Wallet (portafogli)
Un wallet è un file che contiene una raccolta di chiavi private e comunica con la blockchain corrispondente. I Portafogli contengono chiavi, non monete.

Per motivi di sicurezza sono richiesti dei backup delle chiavi private per evitare di perdere il controllo dei propri fondi.

Esistono wallet di diverso genere: hardware wallet, wallet cartacei, wallet per desktop (software), wallet online, App wallet, ecc.

Wallet Import Format (WIF)

E’ un formato di interscambio dati progettato per consentire l’esportazione e l’importazione di un’unica chiave privata con un flag che indica se utilizza o meno una chiave pubblica compressa

Whisper
Whisper è una parte della suite del protocollo peer-to-peer di Ethereum che permette la messaggistica tra gli utenti attraverso la stessa rete su cui gira la blockchain.

Il compito principale di Whisper sarà quello di fornire un protocollo di comunicazione tra le dAPP (applicazioni decentralizzate)

0-9

51% Attack
Una condizione in cui più della metà della potenza di calcolo di una rete di criptovalute è controllata da un singolo miner o da un gruppo di miner malintenzionati. Chi controlla il 51% della rete diventa l’autorità sulla rete, condizione che gli dà il potere di spendere più volte le stesse monete, emettere transazioni che entrano in conflitto con altre o impedire ad altre transazioni di essere confermate.